Logo Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Ets
Logo Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Ets
Dona Ora
Dona Ora
Logo Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Ets
Logo Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Ets
Dona Ora

Roma 17 febbraio 2024 - Presso la Fondazione Don Luigi Di Liegro, si è tenuta la prima lezione del corso "Il disagio giovanile nella contemporaneità: la rete che cura", rivolto a volontari, famiglie e servizi territoriali per la salute mentale. Erano presenti il segretario generale della Fondazione Don Luigi Di Liegro, Luigina Di Liegro, l'assessore regionale all'Inclusione sociale e Servizi alla persona della Regione Lazio, Massimiliano Maselli e Chiara Rogora, psicologa e psicoterapeuta, Dsm Uoc Asl Roma 2, Tutela Salute Mentale e Riabilitazione Età Evolutiva.

Roma, 30 gennaio 2023 - Sono aperte le iscrizioni al corso di formazione per volontari, familiari, youth workers e operatori per la Salute Mentale promosso dalla Fondazione don Luigi Di Liegro e dalla Fondation d'Harcourt, con il sostegno della Regione Lazio. Il corso si terrà nei sabati dal 17 febbraio al 20 aprile. Otto lezioni tenute da esperti che mirano a formare i partecipanti sulle problematiche giovanili, inclusi bullismo e dipendenze, promuovendo una rete di supporto psicosociale.

Il disagio giovanile nella contemporaneità: la rete che cura

>> PER ISCRIVERTI COMPILA QUESTO FORM <<

La salute mentale è un’esperienze complessa e sostanziale della vita, che coinvolge la sfera emozionale, relazionale, sociale, etica, immaginaria: ossia quell’insieme unico che definisce la soggettività umana. In questa edizione del nostro corso di formazione vogliamo promuovere il benessere psicologico degli adolescenti fragili e le famiglie con l’obiettivo di creare una rete di solidarietà e di sostegno finalizzata all’inclusione sociale. Da qui la necessità di sviluppare - nella dinamica salute/malattia – il tema delle relazioni come dispositivo cruciale nella co-costruzione del processo riabilitativo.

Programma

È possibile seguire il corso di formazione in presenza, presso la nostra sede in via Ostiense 106, Roma o online tramite la piattaforma Zoom.
Gli incontri si terranno di sabato, dalle 9:30 alle 12:30.
Alcune date potrebbero subire variazioni.

PRIMO INCONTRO – sabato 17 febbraio 2024
Salute mentale: bisogni di adolescenti e famiglie in relazione con i servizi pubblici

SECONDO INCONTRO - sabato 24 febbraio 2024
La relazione nell’adolescenza a rischio: le dipendenze affettive e strumenti educativi

TERZO INCONTRO – sabato 2 marzo 2024
I giovani tra realtà e virtuale: dipendenze da sostanze e internet

QUARTO INCONTRO – sabato 9 marzo 2024
Hikikomori e ritiro sociale in adolescenza

QUINTO INCONTRO – sabato 16 marzo
Il valore della relazione come competenza nel volontariato

SESTO INCONTRO – sabato 23 marzo
Inclusione sociale attraverso la rete dei servizi e strumenti riabilitativi per la relazione

SETTIMO INCONTRO – sabato 13 aprile
La cittadinanza attiva e relazione come strumento di inclusione

OTTAVO INCONTRO – sabato 20 aprile
Don Luigi di Liegro e Franco Basaglia: percorsi paralleli per una Comunità consapevole

>> PER ISCRIVERTI COMPILA QUESTO FORM <<

Per informazioni contattare segreteria@fondazionediliegro.it

Al fine di prevenire l'isolamento e la marginalità sociale, il progetto propone l'attivazione di un servizio di ascolto e assistenza sul territorio, che fornisce informazioni sui servizi di salute mentale, orienta gli utenti e li supporta nella definizione di un progetto personalizzato con i servizi territoriali.

Per sensibilizzare la cittadinanza sulla salute mentale, il progetto organizza corsi di formazione, informazione e convegni annuali su tematiche come il Recovery e le dipendenze. Gli obiettivi formativi includono la creazione di un gruppo di volontari per facilitare l'inserimento sociale e il percorso terapeutico delle persone con disagio psichico attraverso laboratori di socializzazione, come teatro, musica, fotografia e arte-terapia.

Al fine di contrastare la solitudine dei familiari delle persone con disagio psichico, il progetto promuove gruppi di auto-aiuto con incontri settimanali e supervisione mensile da parte di professionisti, come psichiatri e psicologi, per fornire un sostegno solidale e condividere esperienze.

Il progetto è concepito seguendo un approccio di Recovery, che mira a restituire agli utenti un ruolo attivo, trasformandoli da destinatari passivi a protagonisti coinvolti nelle proprie scelte e impegnati a sviluppare appieno le proprie potenzialità.

Premio amico della famiglia 2009 alla Fondazione Di Liegro per il progetto Famiglie in Rete

Scade venerdì 20 febbraio 2023 alle ore 14 il termine per presentare la domanda per il Servizio Civile Universale.

Se hai tra i 18 e i 29 anni non compiuti e hai voglia di dedicare parte del tempo alla tua comunità, il Servizio Civile Universale presso la Fondazione Di Liegro può rappresentare una significativa esperienza educativa e formativa.
Un’opportunità per impegnarsi alla cittadinanza attiva, un’occasione per accrescere il proprio bagaglio di conoscenze, spendibile nel corso della vita lavorativa, assicurando, al tempo stesso, un riconoscimento economico.

Cerchiamo giovani che amino la comunicazione e la relazione, che vogliano fare squadra per un progetto concreto, che siano interessati all’empatia e all’ascolto, in particolare nell’ambito del benessere psicosociale.

I volontari del Servizio Civile presso la Fondazione Di Liegro contribuiranno all’organizzazione, al supporto e alla comunicazione delle attività formative rivolte a cittadini, volontari e familiari, del Servizio telefonico di Ascolto e Orientamento, e a quelle dei Gruppi di auto aiuto per il sostegno alle famiglie di persone con disagio psichico e dei laboratori di socializzazione e arte terapia.

Scopri i progetti della Fondazione Di Liegro, che rientrano nel programma della ASL RM2 per cui è possibile candidarsi: clicca qui

“Dalla solitudine all’inclusione 3” - Codice Progetto PTXSU0011222010663NMTX
Scarica la scheda progetto

“Il colore della Luna 3” – Codice Progetto PTCSU0011222010665NMTX) – Codice sede 156102
Scarica la scheda progetto

>>> Per informazioni chiama lo 06.6792669 o scrivi a segreteria@fondazionediliegro.it

Per saperne di più sul Servizio Civile Universale: https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/news/2022/12/bando-ordinario-2022/

Per consultare la banca dati dei progetti: https://www.politichegiovanili.gov.it/servizio-civile/bandi-e-avvisi-di-servizio-civile/bandi-di-selezione-volontari/scegli-il-tuo-progetto/?bando=91527&gazzetta=62&estero=0

Guarda lo spot

Requisiti di partecipazione al Bando per il Servizio Civile Universale

Possono partecipare alle selezioni i giovani che, alla data della presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni).
Si ricorda che i giovani che hanno già svolto il servizio civile nazionale o universale non possono presentare istanze di partecipazione, fermo restando quanto indicato all’articolo 3 del presente bando.

Come presentare la domanda

Per poter partecipare alla selezione occorre individuare il progetto di SCU su cui essere impegnati.
Per accedere all'elenco dei progetti di SCU in Italia e all'estero occorre utilizzare il motore di ricerca "Scegli il tuo progetto in Italia". Cliccando il tasto CERCA (senza effettuare una scelta negli altri campi proposti) si ottiene l’elenco completo di tutti i progetti. Per effettuare una ricerca mirata di un progetto è possibile selezionare i valori delle voci che interessano. Nella pagina di dettaglio del progetto viene visualizzato anche il numero delle domande pervenute per quella sede; questo dato è aggiornato al giorno precedente la visualizzazione.

Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 20 febbraio 2023.

Per accedere ai servizi di compilazione e presentazione domanda occorre che il candidato sia riconosciuto dal sistema DOL

1 - I cittadini italiani residenti in Italia o all’estero possono accedervi esclusivamente con SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Sul sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale www.agid.gov.it/it/piattaforme/spid sono disponibili tutte le informazioni su cosa è SPID, quali servizi offre e come si richiede. Per accedere alla piattaforma DOL occorrono credenziali SPID di livello di sicurezza 2.

2 - I cittadini di Paesi appartenenti all’Unione europea e gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, qualora non avessero la disponibilità di acquisire lo SPID, potranno accedere ai servizi della piattaforma DOL attraverso apposite credenziali da richiedere al Dipartimento, secondo la procedura disponibile sulla home page della piattaforma stessa.

Gli operatori volontari selezionati sottoscrivono con il Dipartimento un contratto che fissa, tra l’altro, l’importo dell’assegno mensile per lo svolgimento del servizio in € 444,30 che potrebbe essere incrementato sulla base della variazione, accertata dall’ISTAT.

Link Utili:
Pagina ufficiale con video-Spot

SOS Famiglie: nuovi bisogni e risorse in salute mentale

“Le situazioni di squilibrio sociale, le aree di emarginazione e desolazione urbana, rappresentano una minaccia permanente per la pace. Lo stesso disagio di molti giovani e adolescenti, i più colpiti da una disgregazione sociale e familiare, costituiscono già oggi una sorta di polveriera che minaccia la nostra convivenza urbana.”
Don Luigi Di Liegro

Adoperarsi per la tutela della salute mentale della Comunità rappresenta un obiettivo complesso che non può realizzarsi solo con il miglioramento di norme, valori e pratiche sociali, ma che richiede anche azioni che facciano conoscere e creino partecipazione alla condizione di “disagio mentale” che, per timore, troppo frequentemente si ha difficoltà ad accettare.
L’intervento formativo: “SOS Famiglie: nuovi bisogni e risorse in salute mentale” evidenzia alcune delle possibili azioni di tutela da mettere in atto, così come emerge dall’analisi delle realtà familiari, di quelle scolastiche e dei servizi pubblici dedicati a questa tematica. La responsabilità di contribuire all’equilibrato sviluppo mentale dei membri di una Comunità è affidata in primo luogo alle famiglie e ai genitori che con i loro comportamenti supportano la salute mentale e fisica dei figli. È necessario poi che le Istituzioni pongano la salute mentale quale una delle priorità di investimento per l’attuazione di politiche che favoriscano lo sviluppo di una Società inclusiva, libera da discriminazioni e violenze. Dal canto suo la Scuola deve essere pronta ad individuare, sin da subito, le azioni da attuare in caso di valutazioni di disagio dei bambini-adolescenti. Da ultimo, ma non di minore importanza, la cittadinanza deve riuscire a contribuire con il volontariato all’accoglienza e all’inclusione delle persone più fragili.

Corso di formazione volontari della Fondazione Di Liegro

>>> ISCRIVITI AL CORSO DI FORMAZIONE <<<

Programma

Le lezioni del sabato

(orario 9.30 - 12.30)

PRIMO INCONTRO – 04/02/2023

La famiglia ieri e oggi: nuovi bisogni in salute mentale

Luigina Di Liegro, Segretario Generale Fondazione Di Liegro

Luca Salmieri, Docente di Sociologia, Sapienza Università di Roma

Rita Potena, Psichiatra, ex responsabile TMSREE ASLRM2

SECONDO INCONTRO -18/02/2023

Salute mentale: rapporto dei giovani e famiglie con i servizi pubblici

Giuseppe Ducci, Direttore Dipartimento Salute Mentale ASLRM1

Laura Anelli, Ginecologa e Responsabile Consultori ASLRM1

TERZO INCONTRO - 25/02/2023

Strumenti per il sostegno alla genitorialità e benessere familiare

Pierluca Zuppi, Psichiatra

Paolo Paolotti, Psichiatra, Psicoterapeuta e Segretario regionale S.I.R.P. Lazio

QUARTO INCONTRO - 04/03/2023

Comportamenti a rischio: la gestione delle dipendenze in famiglia

Alessandro Vento, Psichiatra, Psicoterapeuta CSM ASL Roma2 e Responsabile Osservatorio sulle Dipendenze

QUINTO INCONTRO - 11/03/2023

Scuola e Famiglia: definizione di obiettivi e risorse  in salute mentale

Gianluigi Di Cesare, Psichiatra, Responsabile U.O.C. Prevenzione Interventi Precoci Salute Mentale ASL Roma1

Tiziana Sallusti, Dirigente Scolastico Liceo Classico Terenzio Mamiani

SESTO INCONTRO - 18/03/2023

Empatia e tecniche di comunicazione a sostegno della famiglia

Josè Mannu, Psichiatra e Psicoterapeuta

SETTIMO INCONTRO - 25/03/2023

Volontariato e salute mentale: la relazione come risorsa

Michele Di Nunzio, Psichiatra e Psicoterapeuta ASLRoma1

> ISCRIVITI AL CORSO DI FORMAZIONE <<<

Il prossimo 2 maggio inizierà il Corso di formazione per volontari e familiari dal titolo “Percorsi di cittadinanza nella promozione della salute mentale”, organizzato dalla Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro Onlus. L’iniziativa rientra tra gli obiettivi previsti dal Bando Comunità Solidali 2020, promosso dalla Regione Lazio - Assessorato Politiche Sociali, Welfare e Enti Locali - Direzione Regionale per l’Inclusione sociale - Area Welfare di Comunità e Innovazione Sociale.

"Percorsi di Cittadinanza attiva nella promozione della salute mentale" intende sensibilizzare i cittadini sul tema della salute mentale tramite la conoscenza e la formazione. Il volontariato rappresenta una fonte da sviluppare, valorizzare e dalla quale attingere risorse per creare una società consapevole e attenta verso coloro che soffrono e le loro famiglie. Una società consapevole è capace di accogliere e non respingere la diversità, e questo rappresenta una opportunità per le persone con disturbo psichico per trovare il giusto centro del proprio percorso esistenziale.

>>> Modulo di iscrizione <<<

PROGRAMMA

MODULO I - 2 maggio, orario 17 - 20
"Tecniche di comunicazione"
Josè Mannu, Psichiatra e Psicoterapeuta
Marco Soricetti, Musicoterapeuta e Conduttore del Laboratorio di Musica della Fondazione di Liegro

MODULO II - 7 maggio, orario 10 - 13
"Ascolto attivo, empatia e centralità della relazione"
Alessandro Vento, Psichiatra, Psicoterapeuta e Responsabile Osservatorio sulle Dipendenze
Giorgio Veneziani, Dottore in Psicologia

MODULO III - 14 maggio, orario 10 - 13
"Paradigma della Recovery"
Antonio Maone, Psichiatra, Psicoterapeuta e Direttore Comunità Terapeutica e Residenzialità AslRm1
Daniele Bonarini, Regista PotiPicture
Sara Borri, Psicologa PotiPicture Accademy

MODULO IV - 21 maggio, orario 10 - 13
"Gli strumenti della riabilitazione psichiatrica (socializzazione, arte terapia, cura sul territorio)"
Paolo Paolotti, Psichiatra, Psicoterapeuta e Segretario regionale S.I.R.P. Lazio
Nicola Se Santis, Attore, Stuntman, e Conduttore del laboratorio teatrale della Scuola Piero Gabrielli

MODULO V - 28 maggio, orario 10 - 13
"Studio dei nuovi strumenti informatici e digitali a supporto delle nuove forme di comunicazione e della relazione"
Antonia Lonigro, Psicoterapeuta

MODULO VI - 4 giugno, orario 10 -13
"Il modello degli Ufe (empowerment e self help)"
Giovanni Fiori, Referente per l’associazione “Le Parole Ritrovate” Regione Lazio

MODULO VII - 11 giugno, orario 10 -13
"Il contributo del volontariato nei percorsi socio riabilitativi"
Michele Di Nunzio, Psichiatra e Psicoterapeuta AslRm1

MODULO VIII - 17 giugno, orario 17 - 20
"Gestione della sindrome di burn-out, organizzazione dei servizi territoriali e delle attività della Fondazione"
Jose Mannu, Psichiatra e Psicoterapeuta

>>> Modulo di iscrizione <<<

Per info e iscrizioni: Tel: 06 6792669 - segreteria@fondazionediliegro.it

La Fondazione Di Liegro e la formazione al volontariato

La Fondazione Di Liegro prosegue gli approfondimenti sui temi del volontariato e della salute mentale.

Abbiamo organizzato quattro appuntamenti on line su volontariato e salute mentale, che saranno visibili in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione.

Nel corso delle dirette Facebook, analizzeremo i valori del volontariato, in particolare per i giovani, e della solidarietà a tutela dei diritti delle persone che vivono il disagio psichico; parleremo della necessità di rafforzare l’ambiente familiare per fornire un aiuto alla persona sofferente. In quest'ambito, la formazione è lo strumento che facilita l’attuazione di percorsi terapeutici e la diffusione di una maggiore conoscenza sulle modalità per affrontare il disagio psichico e favorire il benessere per tutti e in tutte le età

Gli appuntamenti saranno anche l'occasione per presentare il nuovo corso di formazione per volontari e familiari, in programma da maggio, nell'ambito del progetto "Percorsi di cittadinanza attiva per la promozione della salute mentale".

Adesso più, più che mai, servono cittadini consapevoli del ruolo che potranno avere nel benessere psicosociale della loro comunità.

Formazione al volontariato

È stata Luigina Di Liegro, Segretario Generale della Fondazione che porta il nome del sacerdote scomparso ormai 24 anni fa, a dare il benvenuto ai partecipanti della XV edizione del Corso “Volontari e Famiglie in rete", dal titolo Un nuovo modello di comunità dopo la pandemia".

“È particolarmente significativo l’avvio di questo corso alla vigilia di due importanti ricorrenze: la Giornata mondiale per la Salute mentale e, a pochi giorni di distanza, l’anniversario della scomparsa di Don Luigi, il prossimo 12 ottobre”. ha dichiarato Di Liegro “Un momento in cui, insieme a voi, rinnoviamo il nostro impegno al fianco delle persone più fragili. Persone che hanno sentito maggiormente le conseguenze della diffusione del Covid 19 a causa dell’intreccio tra problemi di salute con quelli di natura sociale, ambientale ed economica. Una pandemia nascosta, quella del disagio psichico, a cui è urgente porre rimedio facendo leva sulla comunità e sul volontariato. In questi giorni le attività a sostegno della Salute Mentale della Fondazione Di Liegro, tornano a pieno regime con il Corso, ma anche con i laboratori di arteterapia, di musica e teatro. Per ritrovarsi dopo la dura prova della pandemia, in una comunità nuova e solidale.” – conclude – perché come diceva Don Luigi “Una città in cui un un solo uomo soffre meno è una città migliore”

Per l’edizione di quest’anno si sono prenotate oltre 100 persone, che potranno seguire il corso a distanza o in presenza. Un segnale da parte della Comunità di quanto questi temi siano sentiti da una larga parte della popolazione, che ha vissuto direttamente o indirettamente un disagio aumentato dal Covid. Un modo per la Fondazione di Liegro per rispondere alla richiesta di formazione e informazione sui temi della Salute Mentale.

I partecipanti all’edizione di quest’anno sono per la maggior parte donne e rientrano in una fascia molto ampia. Si ritrovano uniti da motivazioni simili, giovani studenti e pensionati più in là con gli anni, che vogliono mettere a disposizione degli altri il loro tempo libero e le loro competenze.

“L’esperienza ci ha insegnato come i diversi vissuti dei partecipanti diventano il punto di forza per la buona riuscita di ogni edizione” dice Tiziana Ceccarelli, responsabile del Corso “l’alta adesione di quest’anno e la grande voglia di fare comunità dopo la pandemia, sono senza dubbio le premesse migliori per una bella partenza “.

Il corso è aperto alla partecipazione di tutti coloro che vogliano ampliare le proprie conoscenze sul mondo della salute mentale e impegnarsi nella costruzione di una rete di supporto alle persone con disagio psichico e ai loro familiari: studenti, operatori dei servizi territoriali, volontari, familiari.

Per informazioni: tel. 06 6792669 – fax 0669920486; segreteria@fondazionediliegro.it

Un nuovo modello di comunità dopo la pandemia: aperte le iscrizioni per la XV edizione del Corso di formazione “Volontari e Famiglie in rete per la Salute Mentale” della Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro

Può suonare strano, ma sono dovuto arrivare a quasi 50 anni per cercare un sostegno nella relazione con mia sorella, da sempre affetta da disturbi psichici.” racconta Giuseppe, esperto informatico che nel 2018 ha partecipato al “Corso per Volontari e Famiglie in Rete” promosso dalla Fondazione Di Liegro “Fin dalla prima telefonata ho capito che era il posto giusto per trovare non solo comprensione, ma anche nuovi strumenti per starle accanto. Partecipare al corso mi ha permesso di “vedere” la sua malattia da una diversa prospettiva, più distaccata e lucida. Avevo bisogno di uscire dalla dimensione domestica e familiare che per me, paradossalmente, rappresentava un limite. Tra le tante cose che ho portato a casa al termine degli incontri “ prosegue “la più preziosa è essere entrato a far parte di una rete di persone, formata da volontari, operatori. Una dimensione fondamentale, ancora di più oggi dopo la pandemia, in cui la possibilità di stabilire contatti profondi e concreti si è quasi del tutto perduta”.

Sono venuta a conoscenza del Corso della Fondazione grazie a un compagno di studi”, dice Federica, 23 anni, in procinto di conseguire la laurea magistrale in Psicologia “Dopo tanto studio teorico era arrivato per me il momento di confrontarmi con la realtà e con la pratica. L’approccio della Fondazione, per la promozione del benessere della persona a 360 gradi, mi ha rassicurato e mi ha permesso di entrare in contatto in modo “semplice” con il mondo complesso della salute mentale. E’ stata un’occasione di confronto che mi ha arricchito moltissimo sul lato umano.”  “Prima attraverso la partecipazione al corso, dove nonostante il lockdown dovuto al Covid, sono potuta entrare in contatto con persone molto distanti da me, non solo geograficamente. Poi con il mio inserimento nel laboratorio teatrale della Fondazione, dove ogni persona mette a disposizione le proprie caratteristiche e le proprie capacità in una prospettiva di crescita e scambio reciproco”.

Come Giuseppe e Federica sono oltre 2.000 le persone che, in questi anni, hanno partecipato al Corso per Volontari e Famiglie in rete per la Salute Mentale promosso dalla Fondazione Don Luigi Di Liegro – onlus.

Il tema intorno al quale ruoterà l’edizione di quest’anno è “Un nuovo modello di comunità dopo la pandemia”: un ciclo di sette incontri che prenderanno il via il prossimo sabato 9 ottobre, tenuti da psichiatri, docenti universitari, responsabili dei Dipartimenti di Salute Mentale delle ASL di Roma, rappresentanti di associazioni di familiari.

Il corso, al quale è possibile ancora iscriversi, è aperto alla partecipazione di tutti coloro che vogliano ampliare le proprie conoscenze sul mondo della salute mentale e impegnarsi nella costruzione di una rete di supporto alle persone con disagio psichico e ai loro familiari: studenti, operatori dei servizi territoriali, volontari, familiari. 

La diffusione del Covid 19 come è ormai da più parti riconosciuto, ha purtroppo acuito ulteriormente il peso delle diseguaglianze economiche e sociali e provocato la recrudescenza di disagi psicologici a partire dai più giovani.” Ha dichiarato Luigina Di Liegro Segretario generale della Fondazione Don Luigi Di Liegro onlus “Il volontariato, oggi più che mai, svolge un ruolo fondamentale: contribuendo a sanare le criticità, affiancandosi e integrandosi con i tradizionali sistemi di welfare pubblico. Per questo promuoviamo il corso per volontari e famiglie, con la profonda consapevolezza che il rafforzamento dell’ambiente familiare può fornire un fondamentale aiuto indiretto alla persona che soffre.

Il corso di formazione si svolgerà, ove possibile in presenza, il sabato mattina dal 9 ottobre all’11 dicembre dalle ore 10,30 alle ore 12,30 presso i locali della Fondazione Di Liegro, nei pressi della storica Centrale Montemartini di Roma (via Ostiense 106).

È previsto un piccolo contributo di 40 euro (20 per gli studenti universitari).

Per informazioni e iscrizioni: 06/6792669 segreteria@fondazionediliegro.it

Photo by Liza Summer from Pexels

Ascolto, orientamento e informazione per i
Problemi di
Salute Mentale
crossmenuchevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram