Salute mentale dei minori e guerra

Salute mentale dei minori e guerra

I conflitti armati portano non solo il rischio di mortalità, ma hanno gravi conseguenze sulla salute mentale dei minori. Queste ultime possono riguardare non solo bambini e adolescenti direttamente coinvolti nella tragedia della guerra, in Ucraina come in altre parti del pianeta, ma anche per quelli italiani e di tutto il mondo, già provati duramente dagli effetti della pandemia.

La Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (Sinpia), con una nota, esprime profonda preoccupazione per gli effetti della guerra in Ucraina sulla salute fisica, mentale e sociale dei soggetti più fragili come sono i bambini e gli adolescenti, ancora di più se affetti da qualunque tipo di disabilità. “Essi sono fortemente vulnerabili  allo stress e con minori capacità di adattamento ai traumi, con conseguenze devastanti sul loro sviluppo e quindi sul loro futuro che è il futuro del mondo”, spiega Elisa Fazzi, presidente della Sinpia e direttore della U.O. Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza ASST Spedali Civili e Università di Brescia.

“È con infinito sconforto, incredulità e dolore – prosegue – che siamo testimoni, dopo due anni di pandemia, che ha duramente provato tutta la comunità mondiale ed in modo specifico la salute mentale dei minori, del palesarsi dei venti di guerra nel continente europeo con uno scenario che non ci saremmo mai aspettati di rivedere dopo la Seconda Guerra Mondiale. Non pensavamo che ciò sarebbe mai accaduto di nuovo in Europa”.

La guerra, chiarisce la nota della Società scientifica, arriva in un momento già critico per il benessere dei soggetti più fragili. Secondo i dati di un ampio studio internazionale sull’impatto della pandemia sulla salute mentale dei minore (bambini e adolescenti) recentemente presentato al Congresso Sinpia, il benessere psichico dei minori è diminuito di più del 10% a livello globale, con il raddoppio dei bambini con bisogno di supporto specialistico, e con un aumento di rabbia, noia, difficoltà di concentrazione, senso di solitudine e di impotenza, stress, disturbi del sonno.

A questo scenario ora si aggiungono le conseguenze della guerra scoppiata in Europa. La letteratura medica riporta
numerosi studi sulle conseguenze dei conflitti armati sugli individui in età evolutiva, come ad esempio un più elevato
rischio di nascita prematura ed un incremento di mortalità infantile oltre all’aumento del numero di bambini orfani.

Durante l’infanzia e l’adolescenza viene segnalata una più alta incidenza di disturbi d’ansia e dell’umore, con evoluzione, nel 30-40% dei casi, in un disturbo post-traumatico da stress – spiega Alessandro Zuddas, vicepresidente Sinpia e direttore della UO dell’Infanzia e dell’adolescenza dell’Ospedale A Cao, Università di Cagliari – Tale condizione psicopatologica determina un’importante compromissione della salute psichica anche in età adulta”.

Recenti ricerche evidenziano inoltre come le conseguenze psichiche della guerra perdurino nelle generazioni successive, determinando ripercussioni negative transgenerazionali sulla salute mentale. Questo vale per i bambini dei Paesi dove la guerra è in atto, ma vale in qualche misura anche per i bambini che la guerra la vedono alla televisione o attraverso i racconti degli adulti.

Per la Sinpia, così come a livello europeo per la European society for child and adolescent psychiatry (Escap) di cui fanno
parte molti specialisti anche ucraini e russi, il primo obiettivo deve essere quello di tutelare al massimo la salute psicofisica
di ogni bambino e adolescente e quindi di ogni essere umano, per consentire ai bambini e ai ragazzi italiani, europei e di tutto il mondo, di crescere al sicuro dalle minacce e dalle conseguenze dei conflitti armati.

“In questo tempo di grande incertezza – sottolinea Antonella Costantino, past president della Sinpia e direttore dell’U.O. di
Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (Uonpia) della Fondazione Irccs Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano – è indispensabile fare tutto il possibile per proteggere i nostri ragazzi, chiedendo a gran voce di cessare la guerra, ogni guerra. Sfortunatamente, questa guerra aggiungerà molti altri al numero di bambini che subiranno lesioni  potenzialmente letali o causa di disabilità future, così come traumi che comprometteranno la loro salute mentale”.

Un pensiero anticipatorio, esorta infine la nota di Sinpia, va rivolto anche a quanto sta già accadendo in tutti i Paesi europei, compreso il nostro, con l‘arrivo di bambini profughi e/o orfani provenienti dalle zone coinvolte nel conflitto. Bambini traumatizzati ai quali è stato negato il futuro e che rischiano di essere ulteriormente traumatizzati da sistemi di accoglienza
inadatti. Bambini che incontreranno altri bambini, i nostri figli, che pure si interrogheranno sul perché di questa tragedia
e su come saremo capaci di dare risposte. A tutti dovremo pensare e a tutti dovremo insegnare come vivere in pace.

Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

 

Photo by Katie Godowski from Pexels

Condividi: