disagio studenti

Disagio tra gli studenti dopo la pandemia

Ansia, paura, preoccupazione per il futuro, aumento dei disturbi alimentari e degli episodi di autolesionismo: 9 studenti su dieci manifestano un forte disagio, alcuni anche importanti criticità per la  loro salute mentale dopo la pandemia. Altrettanti ritengono utile un supporto psicologico a scuola o all’università, di questi oltre uno su 3, il 35%, vorrebbe usufruirne.

Sono i principali risultati di una indagine promossa dalla Rete degli studenti medi, dall’Unione degli universitari e dal sindacato dei pensionati Spi-Cgil, dal titolo “Chiedimi come sto”, che ha coinvolto in un mese 30mila studenti delle scuole superiori e universitari, ed è stata condotta dall’Istituto di ricerca Ires dell’Emilia Romagna.

Tornado al disagio, il 28% degli studenti ha dichiarato di avere disturbi alimentari, il 16% dei quali innescati dalla pandemia, mentre il 14,5% ha avuto esperienze di autolesionismo, la metà in coincidenza con il periodo della pandemia. Il 10% ha assunto sostanze e il 12% ha abusato di alcol.

La pandemia ha prodotto anche un cambiamento dei comportamenti e delle abitudini, con l’aumento dell’uso dei social (78%), dei videogiochi (30,7%) e del fumo (18%). Sono invece diminuiti gli incontri con gli amici, sia online che in presenza (48%) e la cura del proprio aspetto fisico (37%). Il 64% ha subito un cambiamento dei ritmi del sonno. Il 26,2% degli intervistati si è già rivolto a un servizio di supporto psicologico nel corso dell’emergenza sanitaria.

>>> FONDAZIONE DI LIEGRO: ADOLESCENZA E PREVENZIONE <<<

Photo by Andrea Piacquadio: https://www.pexels.com/photo/female-student-suffering-from-headache-at-home-3808016/

Condividi:

Prossimi eventi

  1. Un saggio d’Estate

    Giugno 27 @ 17:30 - 20:00
  2. Inclupsy – Training

    Luglio 4 - Luglio 6
  3. Presentazione del libro “Volo AZ 392 Roma/Stoccolma”

    Luglio 14 @ 18:00 - 20:00
  4. Inclupsy – Project meeting and study visit

    Ottobre 6 - Ottobre 7