Ognuno con il proprio passo. Diversi tutti insieme

“Ognuno con il proprio passo. Diversi tutti insieme”

“Ognuno con il proprio passo. Diversi tutti insieme” è il titolo del confronto sulla scuola inclusiva dopo due anni di pandemia, in programma il 10 maggio dalle 15 alle 19, presso la Fondazione Di Liegro. L’evento è dedicato alla memoria di Simonetta Caravita.

Il pomeriggio di “Ognuno con il proprio passo. Diversi tutti insieme” sarà diviso in due parti. Nella prima si svolgerà un confronto su realtà ed esperienze dirette impegnate a Roma per l’inclusione scolastica e giovanile, con Marialetizia Nespica e Marilina Casanova ( Casal Bruciato), Alessandro Romelli (Ostia), Marta Zammuto (Fondazione Don Luigi Di Liegro) e Massimo Vallati (Calcio Sociale Corviale).

La seconda sessione sarà una tavola rotonda su cosa si può fare affinché la scuola sia sempre più inclusiva dopo due anni  che hanno messo a dura prova l’intero sistema. Interverranno Anna Maria Ajello (Ordinario di Psicologia dello Sviluppo e Socializzazione), Danilo Casertano (Associazione Manes), Luigina Di Liegro (Fondazione Don Luigi Di Liegro), Marco Rossi-Doria (Presidente della Fondazione “Con i bambini”), Marilena Novelli (già direttore regionale dell’USR Lazio) e Augusto Venanzetti (Rete Scuolemigranti).

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming. Per informazioni.

“Simonetta Caravita – ha ricordato Marco Rossi-Doria, in occasione della sua scomparsa, nel 2021 – è stata per molti decenni il punto di riferimento delle politiche scolastiche inclusive nell’area romana. Per venticinque anni è stata dirigente scolastica nella Scuola Media Statale ‘Luigi di Liegro’, a Casal Bruciato, e poi del IV Centro Territoriale Permanente di Roma. Quando Jaques Delors avviò l’idea europea di una scuola di seconda occasione per chi aveva abbandonato la scuola, Simonetta è stata all’avanguardia nel lavorare per la scuola di II occasione nelle periferie romane. È in questa veste che in tanti/e, impegnati sullo stesso fronte in ogni parte d’Italia, l’abbiamo conosciuta per la sua dedizione e capacità”.

“È stata coordinatrice del Gruppo di lavoro sull’Educazione degli Adulti dell’USR del Lazio. Anche a livello nazionale ha partecipato al laborioso avvio dei CPIA. Impegnata nell’associazione delle scuole autonome, ha creduto nell’autonomia delle scuole a maggior ragione dove dovevano essere più flessibili e innovative per raggiungere tutti/e e ciascuno/a. Nel cuore e nella mente – ha concluso Marco Rossi-Doria – Simonetta Caravita ha avuto per lunghi decenni la lotta alla povertà educativa e ha lavorato per creare e manutenere comunità educanti ben prima che se ne parlasse”.

 

 

 

Condividi: